Südtiroler Privatvermieter
Trova alloggio
 
loader

05/09/2017

La culla dell’autunno. 10 consigli per scoprire la stagione più variopinta della Valle Isarco

1-image
L’autunno in Alto Adige è un trionfo di bellezza: con le sue temperature miti, i raggi dorati del sole di montagna, i panorami colorati e gli straordinari piaceri culinari. La Valle Isarco riunisce in sé tutto questo! Noi abbiamo raccolto per te dieci consigli per la tua vacanza in Valle Isarco che faranno dell’autunno la tua stagione preferita. Da trascorrere in Alto Adige, ovviamente!

#1 Il piacere culinario del Törggelen: il must della tradizione!

L’autunno in Valle Isarco è un continuo susseguirsi di Törggelen. Una tradizione antichissima che unisce la cucina casereccia con i suoi sapori forti, il vino appena imbottigliato, le castagne arrostite, le cosiddette “Keschtn”, e il fascino delle trattorie di montagna!

3-image 5-image

#2 Il piacere di una festa particolare


Come i canederli, la carne e il vino, anche la convivialità fa parte della tradizione del Törggelen! Nella maggior parte dei casi le serate all’insegna del buon cibo e delle castagne hanno luogo nelle taverne di montagna e nelle osterie tradizionali, ma non solo: durante il Gassltörggelen, un evento che si tiene ogni anno a Chiusa, la cucina autunnale viene gustata tra i vicoli della splendida cittadina, immersi nella particolare convivialità della festa!

#3 Creatività a base di castagne

È la vera star dell’autunno in Valle Isarco: la castagna! Protetta dal suo guscio marrone, nasconde un cuore succulento. Con la castagna si possono preparare tantissime pietanze, perché la creatività degli abitanti della Valle Isarco non conosce confini! Durante le settimane delle castagne 16 ristoratori dedicano il loro sapere in cucina alla castagna. E il risultato è un’invitante delizia!

2-image 8-image

6-image

#4 Dalla vigna al bicchiere


Non tutti i vini sono uguali! Può essere “Suser” (dolciastro) o “Nuier” (novello), ma qualunque siano le sue caratteristiche il vino è una componente essenziale della kermesse del Törggelen. Un tempo la degustazione dei chicchi d’uva di recente lavorazione costituiva il fulcro della tradizione! Il “Suser”, un mosto con un grado alcolico massimo pari all’1%, è il primo ad essere degustato. Alla fine di ottobre si può assaggiare anche il “Nuien” che, una volta pronto per essere stappato, attesta un contenuto alcolico molto vicino al 7%. Chi sperimenta l’autunno in Valle Isarco non può perdersi una degustazione di vino novello!

7-image

#5 Esperienze regali

Tra tutto il tafferuglio attorno alle castagne e al vino, gli altri frutti autunnali devono darsi molto da fare per non cadere nel dimenticatoio. Ma gli abitanti della Valle Isarco non scordano un’altra star dell’autunno: la mela. Durante la Festa della Mela a Naz-Sciaves non si degustano solo dolci prelibatezze, ma viene anche incoronata la Regina della Mela. E non mancano nemmeno i carri decorati che sfilano al ritmo della banda musicale, come si addice ad un evento simile!

#6 Per gli appassionati di prugne

Tra le prelibatezze della Valle Isarco manca all’appello ancora un frutto: la prugna, che in Alto Adige chiamano “Zwetschge”. A Barbiano ne vanno tutti pazzi: soprattutto durante le settimane delle prugne di Barbiano! Qui questo frutto autunnale diventa la base delle ricette di numerosi ristoranti, che cambiano d’abito alla prugna per esaltarne il gusto deliziosamente fruttato!

#7 Il fascino della città

Anche se è la cucina ad essere il fiore all’occhiello dell’autunno della Valle Isarco, ci sono altri highlight culturali che portano allegria nella valle. E tra questi punti di forza vanno naturalmente citate anche le tre città della Valle Isarco! Ognuna ha le sue peculiarità e tutte meritano di essere visitate. Vipiteno, la città dei Fugger, stupisce per il suo fascino unico, che mescola atmosfere medievali allo charme dell’età moderna. Bressanone ammalia per il suo Palazzo Vescovile e per il Duomo. Chiusa, invece, entusiasma per la sua eccezionale aura artistica. Visita la tua città preferita!

#8 Cucina ed escursionismo

Bene, torniamo ora a parlare di castagne. Non dal punto di vista culinario, ma considerando piuttosto il loro aspetto culturale, sportivo e paesaggistico. L’autunno, infatti, invita anche a partire in escursione tra i monti. Nella Valle Isarco il Sentiero delle castagne è uno dei percorsi più amati. Il sentiero conduce all’Abbazia di Novacella, passando per l’Altopiano del Renon, fino ad arrivare al Castel Roncolo a Bolzano. Qui la cultura altoatesina svela anche il suo lato artistico e spirituale!

4-image 10-image

#9 Altre tracce di cultura

E le gite dal risvolto culturale non finiscono qui. Svariati sentieri del vino hanno come tema centrale le gocce pregiate e le loro mille sfaccettature. Inoltre esiste anche un’escursione dedicata al “Törggelen”!

9-image

#10 Piaceri autunnali


Ora sai che sapore ha l’autunno in Valle Isarco. Ma dovresti poter apprezzare anche i suoi colori, il suo fascino che riscalda il cuore e i suoi panorami mozzafiato. L’autunno è meraviglioso da esplorare avventurandosi tra i sentieri di montagna! E alcuni dei sentieri, delle mete e delle vette da scalare sono assolutamente perfetti per sperimentare da vicino il piacere dell’autunno. Di sicuro il tuo affittacamere privato della Valle Isarco ha in serbo per te molti consigli preziosi!