Südtiroler Privatvermieter
Trova alloggio
 
loader

26/11/2017

Una casa che profuma di vacanza

alber-blogbeitrag-titelbild
Verano risplende dei colori luminosi dell’autunno. L’arrivo da Merano passando per il Monzoccolo regala una vista spettacolare sull’ampia Val d’Adige. Abbiamo prenotato un weekend presso gli appartamenti vacanza Alber e siamo ansiose di scoprire le comodità della nostra casa temporanea.
“Mamma, quanto manca?” Già, io mi stavo chiedendo esattamente la stessa cosa! Finalmente siamo giunte a Verano, un paesino di 1.000 anime. Ci fermiamo davanti al maestoso portone di legno e suoniamo il campanello: “Die Mama kimp glei” (che significa: “La mamma arriva subito”), canterella la vocina di una bambina. Mi scappa un sorriso sulle labbra, nessun benvenuto avrebbe potuto essere più dolce di questo! La mamma, ovvero Edith Alber, ci raggiunge all’entrata e ci saluta. Sua figlia e la mia hanno già stretto amicizia: “Vieni con me, ti mostro i coniglietti!” E in un batter d’occhio la mia piccina si è già dimenticata della mamma e io la osservo da lontano per la mezz’ora seguente, mentre trotterella assieme alla sua nuova compagna di giochi nell’ampio giardino (che si potrebbe anche chiamare parco, tanto è grande!). Ora può avere inizio anche il mio weekend.

5-image 6-image

Un tocco di glitter, glamour e gusto

Nel frattempo Edith mi mostra con orgoglio (del tutto legittimo, come realizzo immediatamente) quella che sarà la nostra casa per il weekend. Non si tratta di una semplice casa vacanza, piuttosto di un paradiso per le vacanze. E non posso quasi credere ai miei occhi, ho sempre sognato di avere una veranda. Ora è lì davanti, tutta per me! E che veranda meravigliosa! Con una vista panoramica sulla Val d’Adige, avvolta nel silenzio, riscaldata dai raggi del sole e... “Mamma!” Anche la mia piccolina ha scoperto in fretta i vantaggi di avere una veranda: qui ci si può accomodare sul divano a dondolo, che mia figlia vuole chiaramente testare all’istante! Edith ha costruito gli appartamenti vacanza assieme a suo marito e li ha arredati con amore per i dettagli. Ha voluto dare ascolto al suo gusto personale, in tutto e per tutto. “Desidero che i miei ospiti si sentano a loro agio tra queste mura, proprio come succede a me.” Gli arredi hanno stile, sono tradizionali e di qualità per diffondere un’emozionante sensazione di benessere. Legno antico per la camera da letto, lastre di marmo in cucina, morbide coperte pregiate sopra i letti.

3-image 4-image

Ci accomodiamo all’interno del nostro appartamento e approfittiamo del lusso di avere una veranda tutta per noi. Io sorseggiando un caffè pomeridiano, mia figlia giocando accanto a me sul divano a dondolo. Edith è una di quelle proprietarie di casa che riesce a capire al volo quali sono i desideri e le necessità dei propri ospiti. Impossibile non notarlo subito.

1-image 2-image

Caprette, cucina e coccole

Dopo il relax in veranda tocca al piacere dello stare in mezzo alla natura! Si parte alla scoperta dell’altopiano di Verano. La proprietaria di casa ci ha consigliato diversi sentieri di montagna  e noi abbiamo deciso di fare visita al cinema naturale: il “Knottnkino”. Dopo cinque minuti di auto arriviamo al punto di partenza della nostra passeggiata. Camminiamo per circa mezz’ora in leggera salita e attraversiamo il bosco ombreggiato fino a raggiungere il punto panoramico. “Wooow, mamma, guarda!”, urla con entusiasmo mia figlia. Sì, lo vedo anch’io: questo grande schermo naturale si è meritato a tutti gli effetti il titolo di “cinema”! E il desiderio che questo film non termini mai viene esaurito! Il “Knottnkino” è uno dei punti panoramici più famosi dei dintorni e mantiene ogni promessa. I visitatori possono addirittura accomodarsi sulle poltroncine: che meraviglia!
Dopo svariati “Ciao mucca, ciao capretta”, innumerevoli mazzi di fiori e altrettante collezioni di sassolini, ci incamminiamo di nuovo verso casa per tornare nel nostro appartamento. Un bigliettino attaccato alla porta di casa dice: “Se vi va potete farci compagnia per un pezzetto di torta, sennò più tardi passo a portarvene una fetta per la colazione di domani. Edith”. Che gentile! Certo che passiamo a prendere un pezzo torta!

E così questa giornata straordinaria si avvicina alla fine. Alla sera io e mia figlia ci scambiamo qualche coccola sul letto e ascoltiamo il silenzio. Quante emozioni diverse, che lusso! I nostri occhi brillano proprio come il sole autunnale al mattino. Grazie Edith, torneremo di sicuro!